Proprio in Inghilterra e nella città dei Beatles si è tenuto il primo concerto rock dopo molto tempo, di domenica sera al Sefton Park, nel capoluogo del Merseyside, per verificare se eventi di questo genere diffondono il virus. Circa 5.000 persone, senza mascherine e regole di distanziamento sociale, hanno ballato e cantato in nome della musica ma anche della scienza. I fan che hanno partecipato all’evento all’aperto erano risultati negativi al COVID-19 e hanno promesso di sottoporsi nuovamente al test cinque giorni dopo il festival. I loro dati saranno usati dal programma nazionale di ricerca sugli eventi (ERP), un programma governativo di ricerca per capire l’effetto che l’affollamento ai concerti dal vivo può avere sulla diffusione del virus. Si sono alternati sul palco di questo Festival: il cantautore locale Zuzu, il gruppo indie The Lathamus e i Blossoms come headliner. Il concerto è durato meno di sei ore, tenendo conto del coprifuoco alle 22. Il mese scorso un test simile, ma con l’obbligo di mascherina, si era tenuto a Barcellona in Spagna, con risultati incoraggianti secondo gli scienziati.

Giada Loccioni 4^Es 

Fonti: https://www.rainews.it/dl/rainews/media/Il-test-primo-rock-festival-senza-restrizioni-per-il-covid-a-LiverpoolL-e-immagini-0104e026-8961-4fc4-9270-14c447cdd507.html#foto-2 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.